TECNICA | SCIENZA | ARTE

Organo di informazione dei Periti Assicurativi

Roccocò

Il roccocò


Continua il nostro percorso attraverso i sapori natalizi partenopei. Dopo avervi parlato dei mostaccioli vi raccontiamo un’altra storia: quella dei roccoco’.

Tipico biscotto delle feste natalizie, lo ricordiamo per la forma tondeggiante a ciambella un po’ schiacciata e per il suo impasto ricco di mandorle.

Il loro nome deriva dal francese rocoille, per la forma che ricorda una conchiglia tondeggiante. Sono molto antichi e furono preparati per le prime volte dalle monache del Real Convento della Maddalena di Napoli nel 1320.

Per tradizione si cominciano a preparare a partire dal’8 dicembre, ma accompagnano la tavola dei napoletani per tutto il periodo delle feste.

Non sono dei classici biscotti, ma hanno una consistenza unica nel loro genere: sono croccanti all’esterno e leggermente più morbidi internamente; proprio per questo fondamentale è il grado di cottura che, altrimenti, può renderli davvero durissimi.

Sono fatti con un impasto semplice: farina, mandorle, zucchero, canditi e l’immancabile pisto: un mix speziato composto di chiodi di garofano, cannella, noce moscata e anice stellata.

Grazie alla semplicità e genuinità dei loro ingredienti riescono, pur senza conservanti, a mantenersi per un buon lasso di tempo e sono l’ideale per essere sgranocchiati durante le serate natalizie, magari in compagnia, magari durante una bella tombolata o un altro gioco natalizio.

Nel corso del tempo anche i nostri roccocò hanno subito delle evoluzioni: li possiamo trovare più morbidi e friabili o ancora più duri e, pertanto, ideali per essere consumati bagnati nel vermouth, nello spumante, nel vino bianco o nel marsala; infine nei ultimi decenni il classico roccoco’ tondeggiante ha smussato un po’ la sua forma a favore di un biscotto più pratico e piccolo molto simile ai tozzetti diffusi in Centro Italia…ma attenzione a non farsi ingannare perché il roccoco’ “c’addor e Natal” è solo della nostra amata Napoli.

Share:

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on pinterest
Pinterest
Ultime news

Articoli correlati

Italiane stellari in Europa League

Voi suonerete le vostre trombe noi suoneremo le nostre campane. Questo il motto di piercapponi che riecheggia nella testa degli italiani. Quarti di finale ad

Le voci di dentro

I sogni son desideri Il partitone del turno di andata di Champions dell’altra sera tra il Real Madrid ed il City, ha solleticato desideri immaginifici

Controluce

“Abbiamo dimostrato di non meritare la classifica che abbiamo. Avanti così per le prossime sette sfide verso l’Europa!”. Così recita il tweet postato dalla SSCN