TECNICA | SCIENZA | ARTE

Organo di informazione dei Periti Assicurativi

Odessa si prepara all’assedio.

Odessa, prossima tappa della escalation russa.
Dalla salita dello yacht club i camioncini carichi partono in direzione del centro, Odessa si prepara anche così a difendersi.
La sabbia delle sue spiagge raccolta nei sacchi di juta diventa barriera di protezione, questo è ciò che rimane nella spiaggia.
I volontari sono qui dalle 9 del mattino, sotto la neve a raccogliere la sabbia. Hanno varie età, sono tutti volontari. Ognuno ha un compito ben preciso: ” mi spacco la schiena dal 27 febbraio”, dice Victor, “aiuto così i nostri soldati, lo faccio per la mia famiglia, per la mia terra“.
Anche Lena, soprano della Filarmonica, è rimasta qui al fronte, ” non sono scappata perché amo la mia città, amo il mio paese, i russi dicono che vogliono venire a salvarci, io non ci credo. Noi non abbiamo bisogno di loro”.
Anche se oggi la foschia nasconde l’orizzonte tra chi raccoglie la sabbia, tutti sanno che il nemico è proprio lì davanti.
Queste le ultime testimonianze dei residenti di Odessa, che si preparano a fronteggiare un’invasione che sembra imminente.

Share:

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on pinterest
Pinterest
Ultime news

Articoli correlati

I risultati del GP di Montréal

A Montréal una deludente Ferrari ritira sia la macchina di Charles Leclerc che di Carlos Sainz Jr. Un appassionante GP di Montréal ha visto vincere

Sipario

Ed infine dunque ci nobilitammo, eWiva!! Mister Conte al Napoli è il modo migliore per mandare al macero quest’annus horribilis (accompagnandolo prudentemente con lo scaramantico