TECNICA | SCIENZA | ARTE

Organo di informazione dei Periti Assicurativi

I tesori low cost.

In questa epoca “smart” nella quale tutto tende ad esserlo, auto, telefoni, televisori, anche le persone provano a diventarlo.

I social esaudiscono i desideri meno confessati che portano alla conoscenza, alla fama, ai guadagni, senza esporsi alla censura diretta, alle porte sbattute in faccia, ai dolorosi “no, non si può”.

Come si fa a resistere ad un bagno di like e al conseguente tintinnare delle monetine che possono regalare, senza alzare “cardarelle” e mangiare pane duro.

La nuova cultura pop dei social, spesso, è un inno all’edonismo peggiore che ha partorito mostri kitsch fin dagli anni ottanta e il mare del web, proprio come i veri oceani è invaso da isole intere di spazzatura.

Per fortuna non tutto è da buttare: benediciamo Internet e quei ragazzi che producono video nei quali ci spiegano i prodotti notevoli, i radicali e t,utto il mondo della matematica con parole povere, senza rischiare di farci passare per citrulli da insegnanti e compagni di classe. Lode e gloria a cuochi e casalinghe prodigiose che insegnano a preparare piatti succulenti e ogni tipo di pietanza ci frulla per la testa e in genere tutti gli “youtuber” che forniscono servizi che aiutano a districarci nel “mondo pratico” nel quale viviamo. La tanta fatica che si può risparmiare grazie a semplici click, però, non è sempre salutare. Ci impigrisce, ed è un pericolo non tanto per la nostra amatissima forma fisica (il desiderio di apparire belli difficilmente abbandonerà l’uomo) ma per quella mentale. A farne le spese l’attività che più di tutte viene sacrificata all’altare del web e meglio di ogni altra si presta a far crescere i nostri figli, intellettivamente parlando: la lettura, il vero cibo della mente. L’introspezione, la capacità di critica e di analisi sono tutti doni che un “buon libro” stimola, per non parlare della conoscenza, moneta sonante nel mondo di ieri e di oggi. In Italia, ogni anno, vengono immessi sul mercato 130 milioni di libri; di questi, la metà rimane invenduta. Quelli che realmente meritano di essere letti sono circa il venti per cento e non sempre la scelta ricade sui titoli giusti. In questo modo si rischia di spendere 20 euro per un opera che non li vale.

La soluzione, per non sbagliare, è affidarsi ai grandi classici, i grandi autori che hanno fatto la storia della letteratura e hanno appassionato decine e decine di generazioni. Una scelta che porterebbe notevoli vantaggi economici, essendo, molti di questi capolavori, già in dotazione in tante famiglie (magari in librerie intonse e piene di polvere) o acquistabili in edizioni molto economiche.

Manzoni, Hugo, Gautier, Verne, London e tantissimi altri scrittori per impattare i veri, grandi tesori dell’umanità affinchè si possa crescere un poco tutti, un poco di più e a prezzi low cost; possono benissimo convivere con l’attuale esigenza di stare affacciati alla finestra del mondo per imparare cose interessanti dal PC o dallo smartphone.

Share:

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on pinterest
Pinterest
Ultime news

Articoli correlati

Italiane stellari in Europa League

Voi suonerete le vostre trombe noi suoneremo le nostre campane. Questo il motto di piercapponi che riecheggia nella testa degli italiani. Quarti di finale ad

Le voci di dentro

I sogni son desideri Il partitone del turno di andata di Champions dell’altra sera tra il Real Madrid ed il City, ha solleticato desideri immaginifici

Controluce

“Abbiamo dimostrato di non meritare la classifica che abbiamo. Avanti così per le prossime sette sfide verso l’Europa!”. Così recita il tweet postato dalla SSCN