TECNICA | SCIENZA | ARTE

Organo di informazione dei Periti Assicurativi

IL POLO UNIVERSITARIO DI SCAMPIA

Una storia di speranza, di rinascita, di tenacia.

Scampia. Patria di Gomorra, terra di degrado, luogo di malavita. Fino a ieri. Oggi la sua storia comincia a riscriversi.

Sorge al posto della vela H l’ultima dislocazione della prestigiosa Università Federico II di Napoli.

Ci saranno 16 corsi di laurea in professioni sanitarie di corso triennale e 6 magistrali, 16 laboratori didattici ed altrettante stanze di degenza. Inoltre un parcheggio sotterraneo con 90 posti auto e uno scoperto da 80 posti.  Un maestoso edificio di ben 7 piani.

Un progetto che si colloca all’interno di un piano di rigenerazione dell’intera area urbana, il Restart-Scampia: un programma che prevede la  riqualificazione del verde urbano, la realizzazione della pista ciclabile e l’implementazione dei trasporti.

Le parole del sindaco Gaetano Manfredi

<< Il valore di questa inaugurazione non è il successo di qualcuno, ma è la vittoria di una città, di un quartiere sul pregiudizio che Scampia fosse solo luogo di morte e di camorra>>

L’appello di De Luca

<< Parliamoci con onestà, qui la camorra non è scomparsa, abbiamo un forte radicamento di delinquenza organizzata, ma sappiamo che la realtà di Scampia è così complessa che merita di essere descritta in tutti i suoi aspetti>>.  Poi appellandosi allo Spirito Civico insorge : << La regione investe qui 50 milioni di euro, questo bel panettone rispettatelo e non devastatelo>>.

La benedizione del vescovo.

A benedire il polo universitario della Federico II è stato monsignor Domenico Battaglia, vescovo di Napoli.

<<I giovani, ha sottolineato il vescovo, verranno qui a raccogliere sapienza e coraggio per servire coloro che hanno più bisogno di aiuto, i malati e i deboli. Vogliamo che il Signore benedica i loro sogni ordinandoli alla giustizia e alla pace.>>

Share:

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on pinterest
Pinterest
Ultime news

Articoli correlati