TECNICA | SCIENZA | ARTE

Organo di informazione dei Periti Assicurativi

Milan Napoli atto primo

Nella Milano da bere, si è consumato ieri l’ennesima sfida che ha visto il Napoli di Spalletti contro i rossoneri di Pioli, per la gara di andata di Champions, valida per iil passaggio alle semifinali, nella cornice di un San Siro che contava oltre 74.000 presenze .

Grande partecipazione quindi dei meneghini nell’evento calcistico dell’anno, che potrebbe rilanciare una stagione anonima del milanesi in cerca  di riscatto dopo la pressoché certa esclusione da qualsiasi velleità di scudetto considerati i mortificanti 20 punti di distacco dalla capolista azzurra.

I partenopei, privi del terminale offensivo nonché capocannoniere del campionato Victor Osimehn, schierano un inedito Elmas nella definizione più in voga, di “falso nuove”, su cui Spalletti ha costruito parte della sua carriera di allenatore dai tempi  della Roma di Totti.

Partono benissimo gli azzurri che nel breve giro di 3 minuti costruiscano 3 nitide azioni da  goal, salvate dalla fortuna, mista a bravura dell’estremo difensore Maignan.

Di contro Il Milan non  sembra essere quello che ha sbancato al Maradona, soffre e stringenti denti, affidandosi nelle mani sicure  del portiere e della dea bendata, attendendo il momento favorevole per ripartire, prima con Leao con una conclusione di poco al lato e poi con Bennacer al 40′ che sfrutta una bella azione iniziata da Brahim Diaz che sfugge alla gabbia di Mario Rui lancia un contropiede micidiale e complice anche un non perfetto Meret, poco reattivo, segna la rete del vantaggio rossonero.

Il  Milan sfrutta l’onda lunga del vantaggio e nei minuti di recupero colpisce la traversa con un colpo di testa di Kjaer.

Il Napoli non esce intimidito e nel secondo tempo gli uomini di Spalletti consapevoli della loro forza entrano in campo determinati a ribaltare la gara,  martellando  i rossoneri che subiscono e si chiudono in dfesa affidandosi esclusivamente alle ripartenze di Leao, ben controllato da Di Lorrnza e Brahim  Diaz che pero, si spegne con il passare del tempo.

Il Napoli accelera ma l’arbitro al 70 espelle Anguissa per doppia ammonizione, lasciando in 10 gli uomini di Spalletti.  

Azzurri che non si perdono d’animo e proseguono con generosità all’attacco e alla ricerca quantomeno  del pareggio, che per poco non raggiungono su un tiro velenoso di Di Lorenzo con  Mignan protagonista dell’ennesima prodezza della serata

Si chiude così la prima gara che vede gli  Azzurri sconfitti ma non domi, con la certezza di essersi lasciati alle spalle il 4-0 di campionato e soprattutto la consapevolezza che nel match di ritorno possano giocarsela a viso aperto.

A latere di una bella serata di sport, unica nota stonata, si segnalano alcuni cori  beceri e uno striscione in particolare esposto nella curva  rossonera, che non fa fare bella figura agli espositori.

Share:

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on pinterest
Pinterest
Ultime news

Articoli correlati

I risultati del GP di Montréal

A Montréal una deludente Ferrari ritira sia la macchina di Charles Leclerc che di Carlos Sainz Jr. Un appassionante GP di Montréal ha visto vincere

Sipario

Ed infine dunque ci nobilitammo, eWiva!! Mister Conte al Napoli è il modo migliore per mandare al macero quest’annus horribilis (accompagnandolo prudentemente con lo scaramantico