TECNICA | SCIENZA | ARTE

Organo di informazione dei Periti Assicurativi

Riduzione della pena in appello per Di Fazio accusato di violenza sessuale.

La Corte d’Appello di Milano ha ridotto a nove anni e mezzo  la pena per Antonio Di Fazio imprenditore farmaceutico accusato di violenza sessuale

pena ridotta in appello dunque per l’ex imprenditore farmaceutico Antonio Di Fazio imputato per 6 episodi di violenza sessuale con utilizzo di benzodiazepine.

Il caso era salito alla ribalta della cronaca per la denuncia di alcune studentesse che avevano dichiarato di essere state sottoposte alla Brutale violenza da parte dell’imprenditore, che le avrebbe stordite con l’uso di droghe per poi approfittarsi di queste senza il loro consenso.

Tra le vittime anche la moglie che aveva denunciato violenze continue da parte del marito

Da qui il successivo giudizio che aveva portato a quindici anni di reclusione, successivamente però appellato dal ricorrente, con il raggiungimento della riduzione della pena

In relazione Il  caso dell’ex moglie, che aveva sporto ben 13 denunce, il reato è stato dichiarato prescritto,  la Procura Generale nel processo di primo grado aveva chiesto per Di Fazio 12 anni riconoscendo la continuazione tra i reati, ma la pena è stata poi ridotta in appello.

Nonostante la riduzione, la sentenza non soddisfa pero i legali dell’imputato, sebbene appaia improbabile un ricorso in Cassazione.

Share:

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on pinterest
Pinterest
Ultime news

Articoli correlati

Italiane stellari in Europa League

Voi suonerete le vostre trombe noi suoneremo le nostre campane. Questo il motto di piercapponi che riecheggia nella testa degli italiani. Quarti di finale ad

Le voci di dentro

I sogni son desideri Il partitone del turno di andata di Champions dell’altra sera tra il Real Madrid ed il City, ha solleticato desideri immaginifici

Controluce

“Abbiamo dimostrato di non meritare la classifica che abbiamo. Avanti così per le prossime sette sfide verso l’Europa!”. Così recita il tweet postato dalla SSCN