TECNICA | SCIENZA | ARTE

Organo di informazione dei Periti Assicurativi

Il Napoli getta la spugna

Ancora una prestazione deludente del Napoli al Castellani di Empoli, dove esce sconfitto senza opporre la minima difesa agli attacchi, neanche tanto convinti dei toscani

Gli azzurri a fronte di uno sterile 74% di possesso palla nell’arco della gara, hanno dimostrato quanto questi dati siano oggettivamente infelici e soprattutto non confortano in alcun modo una superiorità che in campo non si è mai vista.

L’empoli impiega pochissimo per indirizzare la partita e alla prima azione utile segna il gol del vantaggio. 3º minuto con palla morbida, proveniente dalla destra, Cerri in elevazione e in perfetta solitudine segna il gol dell’1 a 0.

Ancora una volta difesa fortemente responsabile in occasione della rete, che sebbene schierata non ha saputo contrastare l’azione della squadra avversaria, ultima per realizzazioni nel massimo campionato che si trova così in vantaggio

Se qualcuno poi volesse credere in una reazione, dettata quantomeno da un moto d’orgoglio dei partenopei, dovrà abbandonare qualsiasi speranza. Il prosieguo della gara infatti non offrirà neanche un solo spunto interessante In favore dei calciatori azzurri, che si distinguono esclusivamente per la totale apatia manifestata nel corso dei 95 minuti, le cui uniche emozioni provengono ancora una volta dai toscani, Che confermano in questo modo una netta superiorità contro una squadra impalpabile, che farà registrare nel tabellino finale un desolante zero tiri in porta avversaria.

Delusione soprattutto per i numerosi tifosi partenopei che erano assiepati sugli spalti e che hanno dato sfogo alla loro frustrazione con una contestazione a fine gara che non ha fatto sconti a nessuno.

10ª sconfitta in campionato che segna praticamente l’addio a qualsiasi velleità di partecipazione ad una qualsivoglia competizione europea, a questo punto tenuta in vita da un filo sottilissimo e ad una serie di improbabili congiunzioni

A questo punto non resta che auspicare che questa lenta agonia termini quanto prima e che il campionato finisca velocemente per riporre nel cassetto dei ricordi le speranze disilluse, in attesa del nuovo anno che verrà.

Share:

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on pinterest
Pinterest
Ultime news

Articoli correlati

AMEDEO COLELLA: LAUREATO IN NAPOLETANITÀ

PassNews, attraverso Leonardo Napolitano e Michelangelo Polise, ha intervistato lo storico, scrittore e umorista Amedeo Colella. L’incontro si è tenuto in data venerdì 17 maggio