TECNICA | SCIENZA | ARTE

Organo di informazione dei Periti Assicurativi

Cresce il dibattito politico sulla crisi energetica

Incalza  il dibattito politico sulla crisi energetica che stringe nella morsa l’Italia e tutta l’Europa.

Le nostre proposte sono sul tavolo, ribadiscono dal PD, a cominciare dal contratto luce sociale per fornire energia gratis fino al 50% alle famiglie con redditi medio bassi. 

Di Maio annuncia che in caso di vittoria proporrà di far pagare allo stato l’80% della bolletta delle imprese fino a fine anno, mentre la sinistra esorta l’ esecutivo a diffidare le aziende  energetiche che non hanno pagato le tasse sugli extra profitti, proprio nove miliardi vanno recuperati secondo il leader 5 Stelle che vorrebbe estendere questa tassazione anche settori farmaceutici e assicurativi.

Conte poi attacca sull’energia che  sta strangolando aziende e famiglie, “lo  abbiamo preventivato ma loro  non ci hanno ascoltato”

Anche Carlo Calenda vede all’orizzonte un doppio Tsunami, energetico finanziario, che rende indispensabile  sedersi a un tavolo e portare una soluzione. 

Forza Italia si dice disponibile Ma Silvio Berlusconi guarda anche a Bruxelles, solo l’Europa unita può far valere i nostri interessi spiega

Salvini replica,  con  una proposta al consiglio dei ministri  da 30 miliardi e un tetto del 4% agli aumenti delle bollette.

FDI si dice pronta ad andare in Parlamento già domani. Giorgia Meloni dichiara possibile tagliare immediatamente le imposte sulle energie. 

I due leader del centrodestra intanto si incontrano a Messina rivendicando l’unità  della coalizione, le divisioni Le lasciamo agli altri, uniti si vince, scrivono sui social e rilanciano anche i tempi della sicurezza e emergenza. 

Share:

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on pinterest
Pinterest
Ultime news

Articoli correlati