TECNICA | SCIENZA | ARTE

Organo di informazione dei Periti Assicurativi

La Noia: Piacere per Pochi o Malessere per Tanti?

Che cos’è, la noia? Ci assale o ce la costruiamo su misura per proteggere la nostra indole pigra? A ben guardarlo, il quotidiano offre infinite possibilità di “cose da fare”, tante da far sì che un solo giorno non basti: cose da fare per noi stessi, per gli altri, faticose o leggere, importanti o sciocche. Ma non le vediamo, e ciondoliamo inclini a quel niente che ci svuota, ci strema, facendoci sprecare tempo e occasioni.

In letteratura, “La nausea” di Sartre racconta meravigliosamente questo stato d’animo (che nel protagonista genera appunto la nausea); lento, implacabile, impregnato di malessere, il romanzo si insinua nel lettore e nella sua giornata con pagine e pagine di niente così ben scritte da lasciare il segno. Uno modo d’essere che si respira, di cui impregnarsi e da cui lasciarsi contagiare riconoscendolo come nostro.
E che dire de “La noia” di Moravia? Un romanzo che di certo non mira a ingentilire la nostra vera natura di lamentosi e indolenti.


“La noia è per me una specie di insufficienza o inadeguatezza o scarsità della realtà”, dice; una dettagliata descrizione di disagi esistenziali che tutti noi ben conosciamo, schietta, nuda, che attanaglia.
Moravia, così come in altri suoi libri (avete letto “La disobbedienza?”), insegna il dettaglio degli stati d’animo, mai avaro di particolari. Un pensiero banale può riempire pagine e pagine senza che mai il lettore si… annoi a leggerle.
E troviamo la noia anche nel romanzo di John Varley “La spiaggia d’acciaio”, originale esempio di tecnica introspettiva del 1947. La storia è ambientata nel futuro, una nuova era nella quale la durata media della vita è di ben duecento anni! Vi piacerebbe? Ebbene, in quella situazione nasce un problema non da poco: quanto ci si annoia a vivere così tanto? I protagonisti, bisognosi di nuovo e stanchi di interminabili mesi e anni sempre uguali, trovano la soluzione ideale: cambiare sesso. È la protagonista del romanzo a raccontare in prima persona di tali cambiamenti che – ovviamente – influenzano la personalità, il carattere, i bisogni o i desideri e dunque portano una consistente e duratura porzione di nuovo nella vita di ogni giorno. Dapprima donna, poi uomo, poi neutro (e se volete scoprire che significa, leggete il romanzo), attraversa trasformazioni che faranno sì che la noia divenga una parola astratta.

Share:

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on pinterest
Pinterest
Ultime news

Articoli correlati

Partita Doppia

Il campo è galantuomo, complice del tempo, talvolta va a braccetto con il fato che certo ha il suo ruolo, ma solo lui può dissipare

Il fattore C

Errare è umano, perseverare è diabolico, ostinarsi è da incompetenti. I risultati tutt’altro che lusinghieri del Napoli Calcio, sono la conseguenza dell’inesperienza, della superficialità, dell’impreparazione

L’agonia continua

Il Napoli non va oltre il pareggio e perde altri due punti necessari per accorciare la classifica. Si allontana il quarto posto, ormai distante 9