TECNICA | SCIENZA | ARTE

Organo di informazione dei Periti Assicurativi

Le voci di dentro

specchio e ombre

Pare che il Napoli sia messo irrimediabilmente a specchio, perde anche contro il Milan e chi ‘o sape ‘o riesto appriesso.

Nulla a che vedere con la strategia di gioco, nessun riferimento all’applicazione di schemi tattici speculari a quelli dell’avversario schierato sul terreno di gara. Lo specchio a cui si fa riferimento è quello che riflette in campo la confusione societaria che sembra regnare sovrana e che appare inarrestabilmente lanciata verso il baratro.

Il gol preso contro il Milan lo abbiamo subìto con la difesa schierata a 3, che è proprio il marchio di fabbrica di Mister Mazzarri. Dopo il gol poi, costretti ad inseguire, abbiamo cambiato schema di gioco, ritornando nella confort zone del 4 3 3, modulo col quale andiamo avanti per inerzia ma che probabilmente alleniamo oramai con discontinuità e poca intensità.

Mister Mazzarri è riuscito a smentire sé stesso nell’arco della stessa gara, contraddizione che, lungi dal dare certezze alla squadra, ha amplificato la sensazione di confusione che il Napoli suscita vedendolo giocare e che non sembra affatto regredire con il susseguirsi delle partite. La squadra mi sembra la meno “imputabile”, certamente lo è il Mister, incapace fin’ora di segnare una svolta, ma più di tutti lo è la Proprietà, inutile commentarlo.

A commentare affranta e triste è invece come al solito la chat, “Abbiamo appena ‘ngignato ‘o festival e San Siro gualiù, manco ‘o tiempo e furnì chillo e Sanremo. Uuhà e che tempismo perfetto, poi dicono che a Napoli siamo lenti e nun tenimmo ‘o genio e fa niente! Stavolta però abbiamo diversificato, niente canzoni, a cantà già ce pensa ‘o Presidente, avete visto che stecche che piglia?! A San Siro avimme araputo o festival dei barzellettieri, oramai chest’è ‘o Napule chist’anno, na barzelletta! Secondo me se avesse cagnà pure la denominazione sociale a sto punto, appriesso a SSC Napoli ce avessero scrivere la sai l’ultima?!” Amaro e caustico il commento di Giggino il Pacileo, a cui sussegue quello di Eduardo:“almeno ‘o festival de ‘e barzellette ‘o vincimmo ‘e sicuro visto chello che simme capace e cumbinà. Guagliù non c’è sala stampa o combutta che tenga, a fa ridere ce fumammo a tutti quanti, siamo i numeri uno, a Geolier o facimme scuola nuie!”. “Simme na figura ‘e ….. (biiiiiip biiiiiiiip vocabolo nauseabondo irriferibile al lettore che però è sagace) per cui quà barzellette? A San Siro avimmo sulo proseguito la scìa!” E’ l’oculista e ll’uocchie che così chiosa.”Anguissa ‘o sangue ha da iettà! Ma avete visto come era piazzato sul gol che avimme pigliato? Ma pure ‘o capitano chist’anno mamma mà, da dilettanti, DA DILETTANTI”, manco a dirlo è Brepp che spanteca. Fratemo fratemo pure si fa vivo “ Guagliù vi è piaciuta la canzone che ha vinto Sanremo? A pensarci bene ci azzeccava col Napoli, la cumbia della noia è ‘o ritratto de ‘o Napule chist’anno” “Noooo” dice Eduardo, “me pare chiù azzeccata a canzone e Sangiovanni, si intitola Finiscimi! ‘O Napule ce sta accerenno chiano chiano e allora finiscimi metti fine a stu strazio io le vulesse dicere!” Ritorna sotto fratemo fratemo “e allora scusate ci azzecca più di tutte la versione mixata male del brano di Tullio, ve lo ricordate?” “Tullio?” se ne esce Brepp, “mò Tullio chi è?” “Uuha guagliù Pino, il Neapolitan power nun ve dice niente?” “Aaah” fa Brepp “De Piscopo!” “ Sì Tullio, isso!” sancisce fratemo fratemo. “ Ma qual’è sta canzone mixata male che arrasumiglia a ‘o Napule?” chiede Eduardo, “Sb-andamento lento” risponde fratemo fratemo suscitando un’apprezzata ilarità. “Guagliù stasera a San Siro nun s’è stutata a luce, è proprio mancata a currente.

Luci a San Siro non ne accenderanno più, canta Vecchioni in una sua celeberrima canzone, pe nuie chist’anno sicuramente” è la nota a margine di Brepp. Specchio specchio delle mie brame, torneremo ad essere la squadra più bella dell’italico reame? Con questi chiari ‘e luna …. ah saperlo!!

Share:

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on pinterest
Pinterest
Ultime news

Articoli correlati

Italiane stellari in Europa League

Voi suonerete le vostre trombe noi suoneremo le nostre campane. Questo il motto di piercapponi che riecheggia nella testa degli italiani. Quarti di finale ad

Le voci di dentro

I sogni son desideri Il partitone del turno di andata di Champions dell’altra sera tra il Real Madrid ed il City, ha solleticato desideri immaginifici

Controluce

“Abbiamo dimostrato di non meritare la classifica che abbiamo. Avanti così per le prossime sette sfide verso l’Europa!”. Così recita il tweet postato dalla SSCN