TECNICA | SCIENZA | ARTE

Organo di informazione dei Periti Assicurativi

Leggere per mantenere un privilegio

Sperimentalismo, termini altisonanti, plastismi, mode, invasione degli inglesismi: la lingua italiana è costantemente vittima di aggressioni, mutamenti, evoluzioni o regressioni, ma resta tuttavia quell’arte composta di parole che ci permette di migliorare il rapporto con noi stessi e con gli altri.

Lettura = cultura

Gli uomini hanno cominciato a parlare forse un milione di anni prima di Cristo, ed è grazie alle parole – comunicazione e uso del linguaggio – che hanno imparato a vivere, a guardare oltre i loro orizzonti, a esprimere idee e sentimenti, a esercitare il potere o a persuadere. La parola, il suo uso, ci forma, ci cambia, aiuta nella comprensione dell’altro o genera incomprensioni, annienta o consola.


Leggere, significa soffermarsi proprio sulla dualità, ovvero sulla grandezza e pericolosità della parola, insegnandoci a usarla al meglio. Dunque leggere non può essere considerato un atto passivo ma un’attività di vitale importanza proprio in un epoca di impoverimento del linguaggio: leggere per stupirsi ancora, per guarire dalle circostanze, per aprirci agli altri, per trovare soluzioni nuove, risposte differenti, o per porsi domande.


Leggere per conoscerle, le parole, ricordando che non abbiamo altro strumento che questo: un privilegio che viene da lontano, senza eguali.


Mi è stato raccontato che alcuni popoli australiani, alla morte di un membro della tribù, sopprimevano una parola dal loro vocabolario in segno di lutto e allo scopo di rimarcare la perdita facendo sì che mai fosse dimenticata. Il linguaggio e la vita dunque, procedevano di pari passo, dimostrando il potere degli uomini sulla lingua. Una storia molto affascinante che tuttavia mi fa domandare che rimaneva al tempo e dopo tanti lutti, del loro vocabolario, con le numerose parole soppresse dal dolore… Oggi, le parole sono soppresse dall’uniformarsi che impoverisce. Dai clichè e dai luoghi comuni.

Dice bene Vittorio Andreoli: “La memoria numerica l’abbiamo già persa perché affidata ai telefonini. Ora stiamo perdendo anche quella semantica: usiamo un novero sempre minore di parole.”

Share:

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on pinterest
Pinterest
Ultime news

Articoli correlati

I risultati del GP di Montréal

A Montréal una deludente Ferrari ritira sia la macchina di Charles Leclerc che di Carlos Sainz Jr. Un appassionante GP di Montréal ha visto vincere

Sipario

Ed infine dunque ci nobilitammo, eWiva!! Mister Conte al Napoli è il modo migliore per mandare al macero quest’annus horribilis (accompagnandolo prudentemente con lo scaramantico