TECNICA | SCIENZA | ARTE

Organo di informazione dei Periti Assicurativi

Argentina Campeon

Argentina sul tetto del mondo, vince i mondiali in Qatar laureandosi per la terza volta vincitrice della Coppa.

Sotto lo sguardo di Diego Maradona che dall’alto ha accompagnato le gesta del suo pupillo, Leo Messi sconfigge i tabù e finalmente alza il Trofeo tanto ambito, unico assente nella sua enorme bacheca.

Il numero 10 argentino ha trascinato letteralmente la sua squadra alla vittoria di una partita al cardiopalma. I francesi infatti sono stati domati solo dopo i tempi supplementari e a seguito della lotteria dei calci di rigore.

La partita, incominciata dopo il consueto preliminare della festa di chiusura della bellissima manifestazione, è stata a dir poco pirotecnica.Albi Celeste in grande forma, cha hanno dominato letteralmente il primo tempo, portandosi in vantaggio al 23esimo con Messi su calcio di rigore assegnato da Marcinkus.

Azione che parte dalla sinistra, con Angel di Maria scatenato che supera di netto Dembelè, il francese,  nel tentativo di recuperare da tergo, ingenuamente lo abbatte in area. Fallo netto che la pulga non fallisce.

I sudamericani sono padroni del campo e al trentaseiesimo raddoppiano, con una splendida azione partita dalla propria area di rigore, ancora una volta con Messi ispiratore e di Maria finalizzatore.

La Francia appare ferma sulle gambe e incapace di reagire, fino all’ottantesimo minuto, quando succede di tutto. Marcinkus Infatti assegna un calcio di rigore ai transalpini che Mbappé trasforma accorciando le distanze. 

Dopo due minuti appena, il fenomeno francese Raddoppia, con uno splendido gol a volo dalla sinistra, all’interno dell’area di rigore, a coronamento di un’azione da manuale. 

2 – 2 insperato e supplementari. 

Lautaro sciupa però ghiotte occasioni e gli argentini si aggrappano al genio di Leo Messi, che al minuto 108 su una ribattuta respinge nella porta francese segnando il gol del 3 a 2 

La partita sembra finita ma la Francia non demorde e al minuto 118 un fallo di mano di Montiel nell’area Argentina obbliga il direttore di gara ad assegnare l’ennesimo penalty. Ancora una volta dal dischetto kylian Mbappé che non sbaglia segnando il gol del definitivo pareggio.

Si passa quindi ai il calci di rigore, una lotteria però nella quale gli argentini sembrano essere specializzati, gli albi Celeste Infatti avevano già superato il turno nella stessa  maniera contro l’Olanda e non falliscono neanche in questa occasione, con il portiere Martinez sugli scudi che para ben due tiri dal dischetto e Montiel che si fa perdonare, realizzando il gol della Vittoria definitiva, che che fa esplodere la gioia dei compagni e consente alla nazionale argentina di laurearsi campione del mondo.

Share:

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on pinterest
Pinterest
Ultime news

Articoli correlati

I risultati del GP di Montréal

A Montréal una deludente Ferrari ritira sia la macchina di Charles Leclerc che di Carlos Sainz Jr. Un appassionante GP di Montréal ha visto vincere

Sipario

Ed infine dunque ci nobilitammo, eWiva!! Mister Conte al Napoli è il modo migliore per mandare al macero quest’annus horribilis (accompagnandolo prudentemente con lo scaramantico