TECNICA | SCIENZA | ARTE

Organo di informazione dei Periti Assicurativi

Sconcerto per la morte della giocatrice di pallavolo Julia Ituma

Sconcerto per la morte della giocatrice di pallavolo Julia Ituma, talento del Volley italiano. L’atleta è precipitata dalla finestra dell’albergo dove alloggiava.  È stata immediatamente disposta l’autopsia con  la Farnesina che  segue il caso 

Stella nascente del volley italiano con la nazionale solo pochi mesi fa aveva vinto il titolo europeo Under 19 a giugno. 

È morta a soli 18 anni a Istanbul giocatrice della Igor gorgonzola Novara ed è in trasferta per il ritorno della semifinale di Champions League contro l’ecsacibasi, dopo la sconfitta per 3 a 0. Al rientro in hotel una lunga telefonata,, poi la caduta dal sesto piano, la compagna di stanza non si sarebbe accorta di nulla.

Un quotidiano on-line locale mostra le sue ultime immagini in corridoio, che sono  al vaglio della polizia turca in uno alle telecamere di sorveglianza dell’albergo e il cellulare della vittima.

Le autorità hanno disposto l’autopsia. Nata a Milano di origini nigeriane Julia Ituma aveva cominciato giovanissima all’oratorio e in breve era diventata l’erede di Paola Egonu ne seguiva le ormen . Stesse squadre, degli esordi, stesso ruolo. 

La Federazione Italiana Pallavolo ha disposto un minuto di silenzio in ricordo di Giulia prima di tutte le gare che si di sputeranno da oggi a domenica.

Share:

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on pinterest
Pinterest
Ultime news

Articoli correlati

Italiane stellari in Europa League

Voi suonerete le vostre trombe noi suoneremo le nostre campane. Questo il motto di piercapponi che riecheggia nella testa degli italiani. Quarti di finale ad

Le voci di dentro

I sogni son desideri Il partitone del turno di andata di Champions dell’altra sera tra il Real Madrid ed il City, ha solleticato desideri immaginifici

Controluce

“Abbiamo dimostrato di non meritare la classifica che abbiamo. Avanti così per le prossime sette sfide verso l’Europa!”. Così recita il tweet postato dalla SSCN