TECNICA | SCIENZA | ARTE

Organo di informazione dei Periti Assicurativi

maturità 2023

Riforma sui contratti di lavoro a tempo determinato

Nuove regole nel contratto di lavoro a tempo determinato.

Il D.L. 12 luglio 2018, n. 87 (decreto dignità), convertito in Legge n. 96/2018, oltre a modificare la durata massima, ha reintrodotto l’indicazione della causalità per stipulare un contratto di lavoro a tempo determinato superiore a i 12 mesi:

Dopo 12 mesi di contratto senza causale le aziende grazie alla nuova riforma avrebbero così la possibilità di prolungare il rapporto di lavoro per specifiche esigenze previste dai contratti collettivi, per esigenze di natura tecnica organizzativa e produttiva o per sostituire altri lavoratori.

Attualmente invece dopo un anno di lavoro, l’impresa intenzionata a prolungare un contratto è obbligato all’assunzione, può indicare una causale rivedendo anche a rialzo dello 0,5% la contribuzione.

Un provvedimento atteso nel mondo del lavoro negli ultimi anni Infatti il contratto più diffuso è quello a tempo determinato, otto milioni e mezzo quelli stipulati

Share:

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on pinterest
Pinterest
Ultime news

Articoli correlati

Partita Doppia

Il campo è galantuomo, complice del tempo, talvolta va a braccetto con il fato che certo ha il suo ruolo, ma solo lui può dissipare

Il fattore C

Errare è umano, perseverare è diabolico, ostinarsi è da incompetenti. I risultati tutt’altro che lusinghieri del Napoli Calcio, sono la conseguenza dell’inesperienza, della superficialità, dell’impreparazione

L’agonia continua

Il Napoli non va oltre il pareggio e perde altri due punti necessari per accorciare la classifica. Si allontana il quarto posto, ormai distante 9