TECNICA | SCIENZA | ARTE

Organo di informazione dei Periti Assicurativi

L’agonia continua

Il Napoli non va oltre il pareggio e perde altri due punti necessari per accorciare la classifica.

Si allontana il quarto posto, ormai distante 9 punti e pian piano si sbriciolano gli obiettivi di una stagione sempre più deludente figlia di una squadra svuotata nel gioco e nella testa.

Non basta un possesso palla quasi costante ma ancora una volta lento e poco produttivo. Il copione è sempre lo stesso : Napoli padrone del campo e della palla, ma con un enorme difficoltà nell’ultimo passaggio, vulnerabile e poco equilibrato di fronte alle ripartenze avversarie.

Gli azzurri partono bene, come accaduto nelle precedenti gara, collezionando le prime due occasioni da gol.  Simeone manca la conclusione su traversone di Traorè e successivamente Anguissa prova il tiro da fuori. Basta poco per vedere anche un Genoa pericoloso con Retegui che di testa anticipa per ben due volte Ostigard.

Finisce il primo tempo a reti inviolate.

Mentre i partenopei cercano molto lentamente e in maniera inefficace di trovare la via del gol, il Genoa passa in vantaggio; massimo rendimento con il minimo sforzo.

Una squadra aggrappata all’estro di Kvaratskhelia, al sacrificio di Lobotka e alle parate di Meret. Dentro Lindstrom e Ngonge e successivamente Raspadori.

Il Napoli alza il baricentro e aumenta la densità nella trequarti avversaria; il gioco vive di strappi e di azioni individuali. Si aspetta che il singolo possa accendere la gara in attesa dell‘ episodio favorevole.

Il pareggio arriva solo al 90esimo: Ngonge è bravo a sfruttare una sponda di testa di DI Lorenzo, il Napoli conquista un misero punto e finisce al decimo posto.

Anche Mazzarri finisce nella lista dei colpevoli : 15 punti in 12 partite e un gioco quasi mai convincente. Chiaramente non è il solo, nella lista ci sono Società e giocatori.

Gli unici superstiti di questa stagione sono i tifosi: supporto costante sia a Fuorigrotta che in trasferta.

Appuntamento a Mercoledì il Napoli si giocherà le ultime possibilità di Champions per salvare la stagione e la dignità dei tifosi.

Claudio Cava autore della Pagina Facebook “081 Azzurro”

https://www.facebook.com/profile.php?id=61550581423135

Share:

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on pinterest
Pinterest
Ultime news

Articoli correlati

Italiane stellari in Europa League

Voi suonerete le vostre trombe noi suoneremo le nostre campane. Questo il motto di piercapponi che riecheggia nella testa degli italiani. Quarti di finale ad

Le voci di dentro

I sogni son desideri Il partitone del turno di andata di Champions dell’altra sera tra il Real Madrid ed il City, ha solleticato desideri immaginifici

Controluce

“Abbiamo dimostrato di non meritare la classifica che abbiamo. Avanti così per le prossime sette sfide verso l’Europa!”. Così recita il tweet postato dalla SSCN