TECNICA | SCIENZA | ARTE

Organo di informazione dei Periti Assicurativi

Troppo poco Napoli.

La partita e’ la risultante dei valori tecnici dei giocatori in campo, dei principi di gioco applicati e delle capacità umane messe nel rettangolo di gioco.

Tutti questi elementi sono importanti e nessuno di questi può essere sottovalutato durante una gara .

Il Napoli di oggi ha dimostrato di essere parzialmente ordinato , ma poco determinato nelle palle sporche che una partita spesso concede.

Quella sensazione di arrivare sulla palla sempre in ritardo, di partire quell’attimo dopo per rincorrere un avversario o di dettare il passaggio a un compagno .

E allora capita che si perde una gara con un risultato netto a sfavore e con una classifica che partita dopo partita ha sempre meno da dire .

L’Atalanta ha meritato perché ha dato quel qualcosa in più che a Napoli non si vede ormai da tempo; squadra rognosa, decisa e sempre puntuale nel fare quel fallo giusto al momento giusto.

Brava a concretizzare due occasioni nel primo tempo e specialmente in occasione del secondo gol, a sradicare palla a Juan Jesus e a raddoppiare il risultato.

Nonostante qualche accenno di reazione nel secondo tempo , dove finalmente la squadra di Calzona colleziona qualche occasioni da gol, gli azzurri giocano un primo tempo insufficiente, al limite dell’ esaurimento nervoso per i tanti presenti al “Maradona “.

Pochi aspetti positivi : il solito Lobotka, Meret che evita un passivo maggiore, la voglia di non arrendersi di Di Lorenzo, Mario Rui e Ngonge che ha dato maggior profondità al reparto offensivo.

Non basta il lavoro tattico o la supremazia nel possesso palla se non si è disposti a consumare tutte le energie fisiche e mentali a disposizione.

Otto gare al termine e la paura di non raggiungere neanche l’ultimo dei piazzamenti europei . Bisogna dare merito a una tifoseria sempre presente e vicina alla squadra, fin dalla prima di campionato.

Pubblico che meriterebbe prestazioni migliori e che giustamente contesta la squadra a fine gara.

La Società avrà il compito di decidere se intervenire chirurgicamente su questa rosa o se stravolgere completamente l’organico in previsione del prossimo campionato.

Ad oggi i punti fermi della squadra sono veramente pochi.

Claudio Cava

Napoli Atalanta Autore della Pagina Facebook “081Azzurro”

https://www.facebook.com/profile.php?id=61550581423135

Share:

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on pinterest
Pinterest
Ultime news

Articoli correlati

Italiane stellari in Europa League

Voi suonerete le vostre trombe noi suoneremo le nostre campane. Questo il motto di piercapponi che riecheggia nella testa degli italiani. Quarti di finale ad

Le voci di dentro

I sogni son desideri Il partitone del turno di andata di Champions dell’altra sera tra il Real Madrid ed il City, ha solleticato desideri immaginifici

Controluce

“Abbiamo dimostrato di non meritare la classifica che abbiamo. Avanti così per le prossime sette sfide verso l’Europa!”. Così recita il tweet postato dalla SSCN